Ave Maria e coraggio!!!

Resp. diacono Emiliano Ferri (cell. 366.5016440)
V. Resp. per Frascati Chris (cell 333.1603695)
V. Resp. per Marino Patrizia (cell. 320.4914378)
V. Resp. per Palestrina Simonetta (cell. 327.8939384)


via Palaverta n.79 00047 Marino (RM)
advmcastelliromani@gmail.com
advmmontiprenestini@gmail.com
06.9350152

 

Riflessione sul cap. 16 del Vangelo di Matteo

16.01.2017 10:24

Gesù ci suggerisce di guardarci dal lievito dei farisei e dei sacerdoti, cioè dai falsi insegnamenti dei farisei di oggi e da dottrine vaghe e peregrine di sacerdoti massoni; ma ci dice di non abbandonare mai la Chiesa.

Essa è istituzione divina, cui è riservata una promessa senza limiti dal Cristo di Dio, che l'ha fondata, "le potenze degli inferi non prevarranno su di essa".

Da questa certezza nasce la nostra speranza, che diventa obbedienza, che comporta sacrificio. Ecco perchè Gesù subito dopo indica le "condizioni" per seguirlo: rinnegare se stessi, prenedere ciascuno la propria croce (accettare la propria missione/vocazione) e fare la Volontà del Padre.

E poichè il Figlio dell'Uomo "renderà a ciascuno secondo le sue azioni", solo nell'umiliazione dell'obbedienza e della perseverazna a seguire l'unica Chiesa, che è quella fondata da Gesù su Pietro, potremmo compiere azioni buone e gradite a Dio, perchè saranno purificate dalla vanagloria e da quell'io tanto importante per Satana e per i suoi adepti.

Grazie Gesù per tutte quelle volte in cui ci fai vivere nell'umiliazione, permettendoci di mortificare la nostra vanagloria.

Ave Maria e coraggio